La mia tribù

Puntualizzo subito che non si tratta della Tribù della Tim di qualche anno fa, reclamizzata dal Pierotten nazionale ahimè arrivato anche a questo. Piero mio, ma perchè??

Vabbè lasciamo perdere le polemiche sul passato e parliamo della tribù di felini che incontro quasi ogni mattina:

Partiamo con il trio più popolare:

Micio Morto, Micio Fisso e Micio Zozzo.

Micio Morto è un felino che si fa trovare a dormire nelle posizioni più strane che appunto lo fanno sembrare… deceduto. Cosa che prontamente mi fa venire la strizza e che mi fa belare un “Micio?!” che fa poi quindi prendere una strizza a lui. Spero che un giorno la pianti… ma penso che sia una speranza reciproca.

Micio Fisso è un gatto che fissa. Va che sorpresone, eh? Si ma non fissa e basta, lui imbruttisce. E’ micio romano, è pure giusto però inquieta… Micio Brutto suonava male quindi vada per Fisso. Per la cronaca c’è un cane letteralmente bruttissimo che passa di lì ma appunto, causa genere di appartenenza, non è incluso qui. O inclusa che forse è pure peggio…

Micio Zozzo me pare che sia chiaro. Un tempo bianco e nero e mò bianco e grigio antracite. Penso che anche Omino Bianco alzerebbe le mani in questo caso….

Il secondo trio è Micio Snob, Micio Fifo e Micio Serafico.

Micio Snob non ti guarda negli occhi e si struscia lontano da te ma non troppo. Della serie ‘potrei concederti questo onore ma… nun ce penso pe’ niente’.

Micio Fifo è uno dei più belli della cricca ma basta muovere un muscolo del mignolo ad una distanza di un metro e mezzo da lui e lo vedi schizzare via che manco ‘na saetta.

Micio Serafico (l’unico che si è fatto toccare per la cronaca) è una bel miciozzo pacioccone che si siede un po’, poi si sposta e si risiede. Un Buddha di imperturbabile serenità.

Menzioni d’onore per Micio Lercio (lui e Zozzo devono essere parenti) e Micio Masto, un torello con una coda spessa come un salsicciotto. Degno di menzione anche Micio Geometra che si metteva nello stesso esatto punto di un prato a dormire. Ogni giorno. Ho pensato a lungo fosse un altro cadavere ma poi hanno tagliato l’erba e lui, giustamente indignato, è sparito.

Stay Tuned per eventuali nuove aggiunte.

Annunci

One thought on “La mia tribù

  1. Pingback: La mia tribù (reloaded) | La reginetta del turpiloquio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...